RISPOSTE, IDEE E MOLTO ALTRO PER ME (E IL MIO TUMORE).

Diritti del lavoratore

In questa parentesi dedicata ai diritti, ci soffermeremo su un ambito importante e delicato: il contesto lavorativo. In questa sezione troverai una serie di contenuti e approfondimenti a cura dell’Avvocato del lavoro. L’obiettivo è di fornirti un quadro generale sulle tutele che lo stato prevede per i lavoratori che affrontano una malattia e che negli anni hanno versato i contributi.

Queste tutele vengono generalmente definite prestazioni previdenziali.

Genericamente tutelano:

  1. i lavoratori dipendenti (pubblici e privati)
  2. i lavoratori parasubordinati (lavoratori a progetto o collaboratori occasionali)
  3. i lavoratori autonomi.

Tuttavia negli articoli di approfondimento vedremo che ci sono degli aspetti che differiscono per ogni tipologia di lavoratore in relazione al tipo di contratto a cui fanno riferimento.

LA DIAGNOSI DI TUMORE VA SEMPRE COMUNICATA AL DATORE DI LAVORO E QUANDO?

CONTINUA A LEGGERE
La comunicazione al datore di lavoro del proprio stato di salute, dipende evidentemente dalla decisione personale di ciascuno di noi. Può capitare, tuttavia, che il tempo richiesto dalle terapie e dai possibili effetti collaterali delle cure rendano necessario informare i propri referenti.

Se decidete di comunicarlo, può essere utile fare riferimento all’ufficio del personale, o in caso di aziende più piccole e meno strutturate, a chi si occupa della gestione delle persone o al capo diretto. L’ufficio del personale potrà darti indicazioni su come comportarti e su come procedere. Con ogni probabilità ti verrà richiesto di fornirgli la documentazione medica. E’ del tutto normale e fa parte dell’iter burocratico.

Rispetto alla scelta del momento in cui fare la comunicazione, potrebbe valer la pena aspettare di avere un quadro chiaro della diagnosi e della prognosi (il decorso della malattia). In genere questo avviene nel momento in cui si condivide l’iter terapeutico con l’oncologo. A questo punto avrai la possibilità di poter dare un’indicazione più precisa sui tuoi bisogni e sulle eventuali assenze future.