RISPOSTE, IDEE E MOLTO ALTRO PER ME (E IL MIO TUMORE).

MEDICINA INTEGRATA IN ONCOLOGIA

0

Da un po’ di tempo, sentiamo parlare di medicina integrata o medicina complementare alle cure oncologiche. Ma di cosa si tratta e dove si pratica?

medicina integrataSi parla di medicina complementare quando, al fianco delle terapie tradizionali, vengono prescritti al paziente una serie di attività, come l’agopuntura o lo shiatsu o la meditazione, oppure dei farmaci naturali omeopatici o fitoterapici che possono aiutare le persone a gestire al meglio il proprio percorso di cura in tutte le fasi della malattia, dalla diagnosi in poi.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità stessa ha avviato un piano strategico 2014-2023 per la promozione delle Medicine Tradizionali e non Convenzionali con il loro inserimento nei sistemi sanitari nazionali promuovendone l’uso sicuro ed efficace attraverso la regolamentazione dei medicinali e delle competenze professionali.

 

EVIDENZE SCIENTIFICHE

Negli ultimi vent’anni, in Europa e negli Stati Uniti l’impiego delle terapie integrate ha mostrato un costante aumento: negli USA, 62 pazienti su 100 vi fanno ricorso e la soddisfazione dei pazienti è superiore all’80% e tutti i maggiori centri oncologici hanno al loro interno un Servizio di Terapie Integrate.

medicina integrata«Da prove d’efficacia condotte su 273 malati di tumore curati anche con omeopatia, fitoterapia e agopuntura è risultato che il 70% ha ottenuto dei miglioramenti significativi nella riduzione degli effetti collaterali e nella qualità della vita” dice il dottor Elio Rossi, responsabile dell’ambulatorio di omeopatia dell’ospedale Campo di Marte di Lucca.

L’approccio integrato in oncologia potrebbe, oltre a dare beneficio ai pazienti, essere utile anche nel ridurre la spesa sanitaria grazie ai bassi costi delle metodiche impiegate, ma soprattutto perché la riduzione degli effetti collaterali delle terapie contribuisce a una maggiore aderenza delle pazienti ai piani di trattamento, con riduzione della necessità di assumere farmaci di sostegno come ad esempio gli antinfiammatori.

 

L’ESPERIENZA DELLA MEDICINA INTEGRATA IN ITALIA

medicina integrataIn Italia il 50% dei pazienti oncologici fa cure complementari per combattere gli effetti collaterali delle terapie tradizionali ma il 70% preferisce non comunicarlo al proprio medico temendo di essere rimproverato.

In alcune strutture sanitarie all’avanguardia i medici tradizionali e medici esperti in medicina integrata scelgono insieme i trattamenti migliori per il tumore avendo in mente la centralità della persona all’interno del percorso di cura.

La Toscana ad esempio, eccellenza in ambito sanitario, da tempo sta lavorando affinché gli ospedali pubblici propongano cure complementari  per aumentare la risposta delle terapie cliniche e ridurre gli effetti collaterali. Ha infatti inserito le medicine complementari nei Lea (livelli essenziali di assistenza), cioè le prestazioni passate dal SSN. Non a caso la Toscana ha ospitato il 7° Congresso Internazionale di Medicina Integrata di ARTOI a Novembre.

 

OSPEDALE SANTA CHIARA PISA

Qui la medicina complementare trova un’applicazione molto interessante come anestesia integrata per la sala operatoria.

La procedura prevede una seduta di agopuntura e rimedi omeopatici come Arnica e Apis Mellifica la sera prima dell’intervento. Prima di entrare in sala operatoria si ripete il trattamento di agopuntura, perché alza la soglia del dolore e stimola la produzione di endorfine, analgesici naturali. Poi si procede con l’anestesia generale inalatoria. “Senza gli oppiacei, durante l’intervento non si verificano episodi di tachicardia, bradicardia o ipotensione che richiederebbero il ricorso ad altri farmaci» spiega il dottor Filippo Bosco, medico anestesista referente per la medicina complementare al centro senologico dell’ospedale Santa Chiara.

«E al risveglio si è subito presenti, senza quei disturbi tipici dell’anestesia tradizionale, come intontimento, nausea, vomito e prurito».

MICOTERAPIA

«Oltre a omeopatia, agopuntura e fitoterapia utilizziamo anche i funghi medicinali» aggiunge il dottor Bosco. «E riusciamo a rendere più sopportabili i disturbi dovuti alla malattia o alle terapie. Non solo: con la micoterapia è possibile addirittura ridurre il rischio di metastasi e di ricadute.

Grazie a integratori a base di principi attivi ad alta concentrazione che modulano il sistema immunitario e agiscono in sinergia con i chemioterapici».

MILANO- ISTITUTO TUMORI

Le cure complementari possono essere utili anche per gestire gli effetti secondari della radioterapia. «Con una soluzione a base di acido citrico e bicarbonato le lesioni guariscono» assicura Alberto Laffranchi, medico dell’Istituto dei tumori di Milano e fondatore del gruppo di studio Me.Te.C.O. (Medicine e terapie complementari in oncologia che si occupa della valutazione della trasferibilità di esperienze di Medicina Complementare dalla Pratica Clinica alla Ricerca Scientifica e viceversa).

 

MILANO- OSPEDALE SACCO

Nella Breast Unit dell’ospedale Sacco di Milano, due anni fa è stato inaugurato l’ambulatorio di omeopatia e i risultati ottenuti nella prevenzione e nella cura degli effetti secondari delle cure anticancro sono positivi. In questi giorni si sta concludendo uno studio per valutare l’efficacia dell’Arnica per i sanguinamenti dovuti all’intervento.

ROMA – POLICLINICO GEMELLI

Consulenze nutrizionali, fitoterapia, sostanze naturali e omeopatiche, meditazione, trattamenti di riflessologia plantare e agopuntura: dal 2014 al Polo Femminile vengono offerte alle donne con tumori al seno o ginecologici per ridurre gli effetti collaterali della chemioterapia e radioterapia.  Chi ne ha usufruito ha espresso gradimento superiore al 90%.

“Le principali indicazioni cliniche per queste attività – spiega il dr Magno, resp. del Servizio di Terapie integrate – variano dalla gestione dello stress legato alla diagnosi e ai trattamenti, al potenziamento del sistema immunitario fino al trattamento di effetti collaterali come nausea, vampate di calore, insonnia, fatigue, radiodermiti che possono manifestarsi in corso di chemioterapia o radioterapia.”

I risultati sono stati presenati all’ultimo convegno SIO, la più prestigiosa organizzazione di medicina integrata, a Miami e l’ospedale in collaborazoione con ARTOI sta organizzando un master per operatori sanitari e ha avviato progetti di ricerca su terapie di supporto nutrizionale e di controllo della fatigue.

 

MERANO

L’essere umano al centro di una medicina globale. Questo è il principio su cui il servizio di Medicina Complementare diretto dal dr. Christian Thuile basa le attività di medicina complementare in oncologia.

Dopo il progetto pilota, durato diversi anni, il servizio è stato istituzionalizzato per i pazienti oncologici e l’ospedale dell’azienda sanitaria dell’alto Adige offre molte attività che vanno dalla stimolazione dell’autodifesa dell’organismo al curare dolori e spossatezza; dalla cura dei dolori articolari al linfedema; dal calmare i disturbi del sonno e dall’irrequietezza all’aumento della tollerabilità di chemioterapia e radioterapia.

Si praticano: agopuntura, aromaterapia, fitoterapia con erbe e piante officinali e omeopatia; coppettazione per il dolore di contratture muscolari; crioterapia a -38°; elettroterapia; Healing Touch, ipertermia; riflessologia; shiatsu. E poi ancora: osteopatia, terapia infusionale, terapia laser, medicina dell’alimentazione e terapia motoria.

SAN MARINO

“Le terapie integrate vanno prescritte da medici esperti, perché ogni malato è diverso e ogni tumore è differente. Il protocollo di cure va adattato al singolo paziente”, sottolinea la dottoressa Maria Rosa Di Fazio, responsabile del servizio di Oncologia del Centro SH Health Service di San Marino che applica il metodo dell’oncologo di fama internazionale Philippe Lagarde.

Nel centro, i farmaci tradizionali vengono dati negli orari in cui sono più attivi e meno tossici e nell’arco di quattro-cinque giorni. Il tutto viene integrato da vitamine al 100% naturali, sali minerali e antiossidanti di altissima qualità che riducono del 70% gli effetti collaterali tipici (caduta capelli, nausea, tossicità midollari) dello specifico trattamento e aiutano a supportare le carenze o criticità del paziente. Inoltre viene data molta importanza al giusto piano alimentare. Anche se i servizi non sono sostenuti dal SSN italiano, ci sembra interessante raccontare lo sviluppo della medicina integrata in oncologia in un centro privato vicino a casa nostra.

  • medicina integrata“Le medicine complementari per il paziente oncologico. Sviluppo e opportunità dell’oncologia integrata”, S. Baccetti, M. Di Stefano, E. Rossi, Felici, 2015

     

     

 

 

 


Fonti:

  • Gruppo di Studio Me.Te. C.O.
  • donnamoderna.com
  • azienda sanitaria dell’alto adige
  • Istututo Nazionale dei tumori
  • Policlinico Gemelli SH Health Service
Share.

CONOSCIAMOCI MEGLIO

PROFESSIONE:
COMPETENZE:

Comments are closed.