I RISCHI PER MANDIBOLA E MASCELLA: BIFOSFONATI E RADIOTERAPIA

0

In questa parentesi l’odontoiatra Giulia Bormida ci spiega come prenderci cura della salute orale nella fase di follow up e ci indica a cosa fare attenzione per evitare eventuali rischi legati alla fase successiva alle cure oncologiche che solitamente riguardano le ossa mandibolari e mascellari. Si tratta principalmente di due fenomeni chiamati: chemionecrosi e radionecrosi collegati, in un caso all’uso dei bifosfonati e nell’altro alla radioterapia nel distretto collo e testa.

Prima di capire di cosa si tratta, è bene sapere che normalmente dopo 2-6 settimane dalla fine delle terapie oncologiche tutti gli effetti collaterali che si sono manifestati nel cavo orale saranno spariti.
Si consiglia comunque una visita dal dentista per controllare che tutto vada bene, che non si siano cariati i denti e che non ci siano infiammazioni gengivali.

 

OSTEONECROSI DA BIFOSFONATI (o chemionecrosi)

bifosfonati e radioterapiaLa chemionecrosi è la necrosi da assunzione di bifosfonati, farmaci che vengono prescritti per prevenire osteoporosi e fratture ossee, nelle pazienti a cui sono stati diagnosticati tumori o metastasi ossee, o altri tipi di tumore tra cui quello del seno e i mielomi.

Una contrindicazione di questi farmaci è la necrosi della mandibola e del mascellare, che si può presentare in seguito ad infezioni o a interventi chirurgici a livello della bocca, anche banali come un’estrazione dentaria.

Dato che gli effetti della necrosi ossea possono essere molto fastidiosi e diventare anche molto gravi, è importante che prima dell’assunzione di questi farmaci:

  • Venga eseguita una visita specialistica dal dentista, in modo da valutare lo stato di salute della vostra bocca
  • Vengano fatte eventuali estrazioni dei denti compromessi
  • Vengano sostituite le protesi inadeguate, che potrebbero creare ulcere che favorirebbero l’insorgenza della necrosi
  • Vengano eseguiti periodicamente controlli e sedute di igiene orale professionale e mantenuta un’igiene orale quotidiana scrupolosa e attenta
  • Venga informato sempre il dentista che siete in terapia con Bifosfonati prima di qualsiasi trattamento odontoiatrico
  • Vengano informati l’oncologo ed il dentista in caso apparissero in bocca sintomi come dolore, gonfiore, comparsa di piaghe, ulcere, ascessi o perdita di denti, poiché potrebbero essere sintomi di osteonecrosi da trattare prontamente con terapia antibiotica prolungata e terapia iperbarica

 

OSTEONECROSI DA RADIOTERAPIA

E’ la necrosi dell’osso che può riguardare i casi di radioterapia eseguita a livello della testa e del collo.
Se denti e gengive sono sane, il rischio è pressoché nullo, ma se è presente un’infezione causata da estrazioni dentali avvenute nel periodo successivo alla radioterapia, o sono presenti ulcere delle mucose causate da una protesi inadeguata, può insorgere la necrosi dell’osso.

 

CONSIGLI PER LA SALUTE DELLE OSSA

Comunque per la salute delle vostre ossa in generale e mandibolari e mascellari nello specifico, consiglio di:

  • fare un po’ di attività fisica quotidiana
  • mangiare cavoli, cime di rapa, frutta a guscio
  • insaporire i piatti con una spolverata di prezzemolo e sesamo, molto ricchi di calcio e più assimilabile dei latticini, che creando acidosi, forniscono tanto calcio quanto ne fanno contemporaneamente perdere

 


Dr.ssa Giulia Bormida – Odontoiatra

Share.

CONOSCIAMOCI MEGLIO

PROFESSIONE:
COMPETENZE: