MENOPAUSA E SESSUALITA’ DOPO IL TUMORE: CONSIGLI E RIMEDI

0

Chi è in menopausa, naturale o indotta da farmaci, sa benissimo che alcuni disturbi a livello vaginale e della sessualità, non solo tendono a persistere ma talvolta anche a peggiorare. Ed è tutta colpa del calo degli estrogeni.

 

MENOPAUSA E SESSUALITA’: GLI EFFETTI DA CARENZA ORMONALE

Durante la menopausa la carenza ormonale diminuisce in primis la produzione di collagene in tutto il nostro corpo. In pratica viene a mancare una preziosa sostanza che controlla il buon funzionamento dell’elasticità di tutti i tessuti sia esterni che interni al nostro organismo.

E in particolare gli effetti si “vedono” sulla pelle del viso, ma soprattutto si “sentono” nelle parti più intime.

menopausa e sessualità

La mucosa vulvo-vaginale progressivamente si assottiglia e si riducono sia la lubrificazione che l’elasticità.
Spesso non basta lubrificarsi solo poco prima di un rapporto. La penetrazione può essere comunque dolorosa. Anche quando a fatica si riesce, la secchezza vaginale di base e la ridotta elasticità rendono insoddisfacente il rapporto sessuale.

Va da se che “se il male diventa superiore al piacere” è meglio guardare un film o leggere un libro. La libido? Una parola che diventa sconosciuta.

Non capita a tutte le donne in menopausa spontanea e nemmeno dopo “una parentesi tumore”, ma quando si verifica bisogna correre ai ripari.

I partner comprendono, ma poiché i loro ormoni funzionano tutti, dopo un po’ di pazienza potrebbero non sapere proprio cosa fare per aiutarci.

Vediamo come si può rimediare agli effetti del calo degli estrogeni.

 

1. MENOPAUSA E SESSUALITA’: INTEGRATORI PER IL DESIDERIO

menopausa e sessualitàINTEGRATORI NATURALI. In compenso disponiamo di alcuni integratori naturali, appositamente formulati per il benessere sessuale in virtù delle proprietà altamente energetiche dei costituenti.

La stanchezza fisica e mentale può diminuire eros e libido creando una sorta di “circolo vizioso”. Così la mancanza di desiderio scatena a sua volta nuovi motivi di tensione nella coppia e malcontento a livello intimo e personale.

 

Per aumentare l’energia disponibile e contrastare la stanchezza sono particolarmente efficaci gli integratori a base di Arginina. E’ una sostanza che migliora la trasmissione degli impulsi nervosi e la vasodilatazione.

Arginina, poi, in associazione a Tribulus terrestris, e arricchita con Maggiorana e Salvia officinalis crea un mix di nutrienti efficaci per il benessere sessuale a tutte le età e senza controindicazioni di sorta. Il tribulus officinalis, infatti, è un ottimo tonico in grado di aumentare i livelli di testosterone attivo (l’ormone più importante per stimolare il desiderio femminile)

 

2. LUBRIFICANTI PER SECCHEZZA VAGINALE

Ma il desiderio da solo non basta. Una performance sessuale soddisfacente nasce dall’attiva collaborazione di cosa vuole la mente e ciò che può fare il corpo. Questo vuol dire che vulva e vagina devono collaborare e per farlo devono rimanere o tornare in forma.

PER LUBRIFICARE

GEL

In attesa di un consulto ginecologico, i gel-lubrificanti a base di acido ialuronico sono il rimedio più veloce ma servono solo al bisogno.

Esistono in commercio anche gel con acido ialuronico + collagene per la mucosa vulvare. Pur non avendo la cannula abbinata, possono essere usati anche in vagina.

Piuttosto efficaci sono anche i gel di acqua con polycarbophil che aderiscono alle pareti vaginali mantenendo idratazione e lubrificazione per 48/72 ore. Utili per un sano week end di intimità con il/la partner.

OVULI

Gli ovuli possono essere applicati un paio di volte alla settimana, quanto meno per ridurre soggettivamente il senso di secchezza.

 

COMPRESSE

Acido ialuronico e collagene possono essere assunti anche per via orale con effetti positivi per la pelle oltre che per le mucose genitali.

PER IL PRURITO E BRUCIORE

In questo caso sono più efficaci gli ovuli a base di sostanze naturalmente anti irritanti. Una buona formulazione sono quelli a base di propoli, camomilla e tiglio con effetti altamente protettivi sulla mucosa vaginale.

Ovuli con vitamina E, nucleotidi, lattobacilli sono invece nutrienti per la mucosa vaginale mentre per quella vulvare esistono specifici unguenti con vitamina E pura ed oli pregiati (malaleuca, cera alba, …). Da usare quotidianamente come si usa la crema idratante su viso e corpo.

Il concetto è che vagina e vulva non vanno solo lubrificate ma vanno anche, e soprattutto, idratate e nutrite.

I costi di questi prodotti sono contenuti anche se bisogna continuare a comprarli in quanto il loro effetto non si mantiene nel tempo.

 

3. ESTROGENI LOCALI

L’utilizzo di estrogeni locali in ovuli o gel vaginale sono, per chi vuole o può assumerli, terapie di prima scelta altamente risolutive. Sia per i disturbi vaginali che per quelli urinari della post menopausa. Anche l’estriolo (estrogeno debole a basso tasso di assorbimento sistemico) e il promestriene (prodotto di sintesi con effetto estrogeno-simile) sono molto efficaci ma come l’estradiolo sono controindicati in tutte le donne che hanno avuto un tumore ormonosensibile.

! Sono tuttavia consigliati post tumori non ormonosensibili.  L’assunzione deve però essere continuativa, altrimenti si assiste alla ricomparsa dei sintomi dopo circa tre settimane dalla sospensione. I costi sono contenuti e molti prodotti a base ormonale sono dispensati dal SSN.

Da qualche anno ci sono in commercio anche gli ovuli a base di Prasterone, ossia deidroepiandrosterone (DHEA), biochimicamente e biologicamente identico al DHEA umano endogeno. Viene convertito all’interno della vagina in estrogeni e androgeni, questi ultimi aiutano la libido.

OSPEMIFENE PER ATROFIA VULVO-VAGINALE DA CARENZA ORMONALE

L’“ospemifene” un farmaco per l’atrofia vulvo-vaginale che si assume per bocca. Non è un ormone ma un Serm, ovvero un attivatore selettivo dei recettori estrogenici della mucosa vulvo-vaginale con effetti di ripristino di idratazione, lubrificazione ed elasticità.

! Anche se a livello del tessuto mammario ed endometriale questo farmaco tende ad esercitare un blocco dei recettori estrogenici, ne è sconsigliato l’utilizzo nelle donne con tumore, sospetto o attivo, a livello di seno, utero e ovaia e altri tumori maligni dipendenti dagli ormoni sessuali.

Ospemifene è controindicato anche durante la terapia adiuvante per tumore mammario e nei primi cinque anni dopo la fine delle terapie oncologiche per qualsiasi forma di “parentesi”. Dopo tale periodo ospemifene può essere assunto senza problemi per cicli di tre mesi alternati a cicli di acido ialuronico ma anche per un anno intero. Dopo la sospensione i benefici rimangono per un mese o due.

Il costo di 46€ per un mese di terapia (confezioni da 28 cpr, una al giorno) e non è dispensato dal SSN.

Su ospemifene è importante sapere che:

  • non ha eventi avversi sul metabolismo: pressione arteriosa, glicemia e insulina, fattori della coagulazione, colesterolo e trigliceridi
  • non altera il metabolismo osseo, anzi sembra avere un effetto protettivo
  • l’assunzione per via orale facilita le donne con inabilità fisica (problematiche articolari, obesità, ed altri handicap) sicuramente più svantaggiate nell’assumere terapie vulvo-vaginali locali.

 


TIBOLONE PER LA CARENZA ORMONALE E PREVENZIONE DELL’OSTEOPOROSI

Il tibolone è uno steroide sintetico dalle proprietà estrogeniche, progestiniche ed androgeniche, appartenente alla famiglia dei regolatori selettivi dell’attività estrogenica tessutale.
Si assume per via orale, viene rapidamente assorbito al livello intestinale e metabolizzato in tre differenti principi attivi, responsabili delle suddette proprietà biologiche. Gli effetti terapeutici del tibolone si esplicano sui disturbi vasomotori, sulla secchezza vaginale e sulle ossa e possano essere paragonabili a quelli della terapia estrogenica sostitutiva a fronte di un miglior profilo di sicurezza endometriale. La componente androgenica del Tibolone migliora la libido.

MENOPAUSA E SESSUALITA’: LO SAI CHE?

Noi le abbiamo chiamate le 5A della buona sessualità e speriamo che anche loro possano essere utili per riportare il sorriso sulle tue labbra.

Peperoncino, cioccolato, tartufi, zenzero, pepe nero. Anche la forma di ostriche, banane e avocado che evocano le forme genitali. I frutti dell’amore più efficaci sono tuttavia i pistacchi che non dovrebbero mai mancare a tavola, di sera e a lume di candela.

In dosi moderate libera i freni inibitori. In eccesso ostacola l’atto sessuale. Insieme ad una cena eccessiva favorisce la sonnolenza più che gli ardori sessuali.

 

Acqua, verdura, frutta fresca e secca e semi oleosi favoriscono l’elasticità e l’idratazione delle mucose genitali.

 

Riduce lo stress e produce endorfine per tono dell’umore, voglia di interagire e desiderio sessuale. Fare l’amore a sua volta è attività fisica che smaltisce stress e brucia calorie.

Pensare e agire in positivo. Hobby gratificanti e trattamenti di medicina estetica viso e decolté migliorano l’immagine di sé e aiutano a ritrovare un migliore equilibrio del proprio Io.

 


Dott.ssa Fiammetta Trallo – Specialista in Ginecologia e Giornalista della Salute

 

 

Share.
Avatar

CONOSCIAMOCI MEGLIO

PROFESSIONE:
COMPETENZE: