RISPOSTE, IDEE E MOLTO ALTRO PER ME (E IL MIO TUMORE).

Energia & Movimento

Dopo una diagnosi di cancro si tende a non prendere in considerazione di proseguire o iniziare a fare attività fisica e sport. Recenti studi dimostrano, invece, i benefici dell’attività fisica durante tutto il percorso della malattia oncologica.

CONTINUA A LEGGERE...

QUANDO SI PUO PRATICARE L’ATTIVITA’ FISICA?
E’ noto da tempo che l’attività fisica costante è utile nella prevenzione delle malattie, nel mantenimento di uno stato di benessere generale e anche nel trattamento di alcune patologie croniche (cardiovascolari, neurologiche, osteoarticolari).
Ci sono ora chiare evidenze anche per la malattia oncologica, osservando le giuste precauzioni (vedi chiusura articolo), che l’attività fisica è benefica :

in fase preventiva: perchè gioca un ruolo nella prevenzione dei tumori
durante tutte le fasi della malattia: perchè porta benefici fisici e psichici
in fase di follow up: perchè aiuta a ridurre il rischio di recidive

Infatti, anche se l’attività fisica non è ancora stata adottata largamente come parte integrante dei programmi di cura per i malati oncologici, i dati disponibili la rendono ormai raccomandabile fortemente per rafforzare e protegggere l’organismo con effetti benefici sia fisici sia psicologici.
I meccanismi che inducono i benefici dell’attività fisica sono ancora oggetti di studio e non del tutto ben chiariti. Tuttavia, le recenti ricerche di PNEI (psiconeuroendocrinoimmunologia) hanno individuato alcuni meccanismi per cui l’attività fisica coinvolge ad esempio:

il blocco dell’asse di attivazione di stress
la riduzione dei fenomeni infiammatori
la stimolazione delle difese immunitarie
l’attivazione del sistema linfatico
il riacquisto del senso della cenestesi, ossia dello stare bene dentro il proprio corpo, che conduce al superamento anche del prezzo emotivo, psicologico ed energetico che la diagnosi di tumore pretende: paura, rabbia, depressione, stress, instabilità e tutto un corteo di emozioni e di sintomi che non si erano mai provati o che diventano per la prima volta dominanti e che si ripercuotono su tutti gli aspetti della vita, relazioni comprese

Dr.ssa Luisa Scaglia – Medico chirurgo